Storia del Torneo

Da quasi 30 anni le estati degli abitanti del quartiere Nomentano-Italia sono segnate dal Torneo della Parrocchia Santa Francesca Cabrini.
I ragazzi dell’Associazione, dell’oratorio e della realtà parrocchiale si sfidano ogni anno per conquistare il titolo di Campioni e portare a casa l’ambito trofeo. Il Torneo della Parrocchia non è solo un evento sportivo, in quanto per più di due mesi, famiglie, giovani, anziani, si ritrovano a seguire le partite di amici e parenti in un ambiente in cui regna l’amicizia, dove saltuariamente vengono organizzate salsicciate, braciolate, feste e diversi altri eventi.

Dall’edizione 2013 il Torneo prende la denominazione di “Memorial Michele Zingaretti” in ricordo di Michele, un ragazzo che amava lo sport e la Parrocchia, che ha lasciato in tutti i componenti della nostra realtà un grande ricordo di un ragazzo sempre col sorriso.

La finale del Torneo è un evento a tutti gli effetti, più di 300 presenze sugli spalti a sostenere i propri idoli e una cerimonia di premiazione degna degli eventi più blasonati, ma la presenza di amici tifosi è continua durante tutto l’arco del Torneo raggiungendo picchi nelle serate dei big match.

Nel 1998 furono gli UNIVERSITARI, capitanati dai fratelli Olori, ad aggiudicarsi l’ambito trofeo ai danni della 20, odierna 16, che annoverava tra le sue fila i vari Rinaldi V., Bagalà D., Franchi A. e Fucini G.

La 20, nel 1999, memore della sconfitta patita nella passata edizione del torneo, coglie la prima vittoria della sua storia battendo in finale proprio gli UNIVERSITARI e, nell’anno successivo, bissa il successo sconfiggendo gli ALLENATORI.
Per due anni consecutivi, ’99 e ’00, la 20 si dimostra la squadra più forte tra le pretendenti al “dominio parrocchiale”.

Nel 2001 si affacciano nuove leve: una nidiata di ragazzi classe ’85 entra in scena per cercare di spezzare l’egemonia delle compagini più esperte.
A vincere l’edizione del 2001 sono gli ALLENATORI che, oltre all’esperienza di Fiore C., acquistano in tecnica e carisma con l’entrata di Bonarelli A. e Liburdi A. subito decisivi per le sorti della loro squadra. Vittoria in finale contro l’ACG, compagine che di lì a qualche anno scriverà pagine importanti della storia del torneo. ACG che durante gli anni si avvarrà dell’apporto dei fratelli Bersani, Canistrà P., Di Sabatino G., Ottaviani S.

Nel 2002 la 24 vince la sua prima coppa battendo in finale l’ACG. La 24, compagine alla seconda partecipazione, raggiunge il gradino più alto del podio grazie al quintetto base composto da Fucini F., Pellegrino S., Dominijanni F., Ricci A. e Nicolò M.

Nel 2003 si assiste alla prima affermazione dell’ACG che, in finale ha la meglio sulla 20, che arrivata in finale senza i favori del pronostico batteva agli ottavi di finale i campioni in carica della 24. Tra le fila della 20 vanno ricordati i nomi di Ricci L. e Grilli P.

Nel 2004 torna alla vittoria la 23, che sconfigge in finale i “cugini” della 22, alla prima finale della loro storia. Tra le fila della 22 nomi del calibro di Dominijanni G., Bagalà E. e Casadei C. che cedono alla 24 solo dal dischetto.

Nel 2005 torna alla vittoria l’ACG, che nella finale si sbarazza dell’esperta compagine della 15 capitanata da Ricci F., e raggiunge quota due successi nell’albo d’oro del torneo.

Nel 2006 la CABRINI OVER, impostata sull’ossatura della ex ALLENATORI, rompe l’egemonia targata 22 – ACG che durava dal 2002, vincendo in finale contro la compagine delle VECCHIE GLORIE, vera sorpresa dell’edizione 2006, egregiamente capitanata da Rinaldi V.

Nel 2007, dopo due anni di digiuno, torna sul gradino più alto del podio la 22 che, dopo aver eliminato in semifinale la TRADIZIONE CATTOLICA, ha la meglio sulla CABRINI OVER e si porta a tre trofei in bacheca.

22 che si ripete anche l’anno successivo, edzione 2008, battendo in finale TRADIZIONE CATTOLICA, con una supremazia disarmante. Da ricordare che la squadra di Pellegrino nelle ultime due edizioni del torneo ha subito solamente una sconfitta, contro i PURPLE DEVILS nella fase a girone del 2007.

L’edizione del 2009 vede trionfare la FC REGAZZETTI, con Andrea Liburdi al comando di una compagine di giovani talenti composta dai fratelli Accivile, Francesco Tramontano, Luca Di Marco e Federico Malgarini, capocannoniere del torneo con 59 gol. FC REGAZZETTI che in finale battono la RCLeague, vera sorpresa del torneo, di Comite A., Zamponi S., Minasi S. e Fiore L.

A causa dei lavori, la kermesse parrocchiale non viene disputata nelle stagioni dal 2010 al 2012, nel 2013 si ricomincia e in un torneo "limitato" è Giacomo Tramontano con la sua 21 a portare a casa il trofeo più ambito.

Il 2014 è l'anno della consacrazione di una generazione di talenti. A trionfare, con una partita perfetta nella finale delle finali, è la 23 REMIX composta da Tuninetti L., Tramontano F., Malgarini F., Santoponte T., Trivellini L., Abate Mat. e Fiore M., una squadra giovane capace di incappare in una sola sconfitta nell'arco delle 20 partite del torneo, ad opera della sorpresa IL BIRRAIO MATTO, arrivata fino alle Semifinali dove si è arresa proprio ai gialli classe '91/'92. L'altra Semifinale aveva visto LA VENTUNO, detentrice del titolo 2013, sconfitta da I TABACCHINI, la squadra più completa del torneo, orfana nella partita finale del talento dei suoi migliori giocatori, Silvestri Fra. e Bonarelli A., non è riuscita questa volta l'impresa ad Andrea Liburdi di diventare "Pentacampeao" e nonostante la classe di Di Marco L., la saracinesca Accivile D., l'esperienza di Accivile E. e Becci M., e il puntero Bruni F., i ragazzi di Via Arezzo, 13 sono usciti con le ossa rotte dalla finale, giocata alla perfezione dagli uomini migliori della 23 Remix. Menzione speciale va fatta per Mister Roberto Santoponte, che ha potuto vedere tutti i ragazzi da lui allenati nella Serie D Calcio a 5 della nostra Cabrini, giocarsela tra le prime 4 squadre della competizione.

L'edizione 2015 vede al via 26 squadre e dopo una formula che introduce, con grande successo, il Killer Weekend, si conclude con la vittoria dei THE GOLDRAKES, capitanati da Accivile E., secondo trofeo in bacheca, e trascinati dall'immenso talento di Palange T, Silvestri F. e soprattutto Luca Di Marco, decretato Miglior Giocatore del Torneo 2015, accompagnati da uno strepitoso Zafferami L. in porta e dal resto della rosa che vedeva Becci M, Barbuto F, Giustiniani J, Di Marco Lo, e il talismano Fiore M., secondo trofeo consecutivo. I verdibandatobianco hanno dimostrato di avere altro passo e altra solidità rispetto alle avversarie dando in finale una prova di potenza e classe che ha annichilito la DICIOTTO di Pellegrino S. e Ricci A.

L'edizione 2016, mantiene sostanzialmente la formula della precedente, riducendo il numero di squadre che si abbassa a 22, grande successo nuovamente per i Killer Days, che portano pubblico e accendono il torneo. La fase finale, come il resto del torneo, sembra avere un vincitore già scritto, Luca Di Marco (secondo trofeo Miglior Giocatore consecutivo per lui), ma la VENTISEI di Marco Di Renzi riesce in finale nell'impresa di battere i più quotati EXTRACOMUNITARI, riportando "in Comunità" il trofeo più ambito. Grande prestazione dei suoi compagni, Francesco Labanti e Valerio Tedesco su tutti, sempre accompagnati da un super Matteo Core in porta e dalla vena da bomber di Paolo Barbaria, completano la squadra vincente il duttile Davide Carulli e il sempre tignoso Andrea Trivellini, coordinati da Mister Ciccio Costa, l'arma in più.

Il 2017 è l'anno della conferma che il Torneo vive un'era con un nuovo padrone, Francesco "Il Bonzo" Tramontano, con l'apporto dei suoi scudieri, Tommaso Santoponte, eletto Miglior Giocatore del Torneo, Federico Malgarini, Lorenzo Trivellini, Lorenzo Tuninetti, Stefano Giglio e Angelo Rago, guidati dal talismano Marco Fiore, al terzo sigillo, trionfa per la seconda volta in pochi anni con la sua VENTIDUE, la terza complessiva per lui, fermando il sogno di Stefano Pellegrino, Marco Nicolò e Lorenzo Regini di laurearsi pentacampioni. VORREIMANONCORRO, che partiti contro tutti i pronostici, riescono a centrare la finale -  la terza in 3 edizioni per Tommaso Palange, la seconda in 3 edizioni per Edoardo Accivile - ma alla fine devono arrendersi allo strapotere tecnico-fisico di Tramontano e Co, nonostante una squadra completata da Luca Zafferami, Miglior Portiere 2017, Tommaso Mosetti, Pietro Costa, Stefano Nicolò, Lorenzo Malgarini e Simone Fraioli.

L'edizione 2018 vede al cancelletto di partenza diverse squadre favorite per la vittoria finale, ma a spuntarla con una finale decisa ai rigori dal gol di Alfonso De Pascale, è la VentiDue di Raffaele Tramontano, Capocannoniere e Miglior Giocatore del Torneo, che dopo aver compiuto un autentico miracolo ai Quarti di Finale nel doppio confronto contro i più quotati Ufo Gibot, ed essersi liberato dei giovani Undetriginta in Semifinale, alla prima partecipazione alla Finalissima, costringeva la grande favorita OK, ossatura della VentiDue detentrice del Torneo 2017, più Luca Di Marco e Dario Accivile in porta, alla lotteria dei calci di rigore uscendone vittoriosa. Primo centro per Tramontano R., Abate F., Quarchioni (Miglior Difensore), Bracci (Miglior Portiere), Miccoli, Rufini, Schiavo Gae., De Pascale A.

Nel 2019 la VentUno (ex VentiDue) decide sulla carta di sbaragliare tutto e aggiunge alla sua squadra "scudettata" il talento di Giovanni D'Ubaldo e Gabriele Ginanni a difesa dei pali, e come da pronostico al fischio finale dell'ultima sfida bissa il successo del 2018 riuscendo nel back-to-back impresa riuscita l'ultima volta alla VentiDue di Stefano Pellegrino (2007 e 2008). In finale la roccia Quarchioni, un grande Abate F., lo strapotere di Raffaele e un super Giovanni D'Ubaldo in entrambi le fasi (MVP della finale) riescono a far inceppare il giocattolo Vikings, apparsi la squadra più forte dal punto di vista del gioco per gran parte della manifestazione. A poco serve la grande prestazione di Emanuele Fortunato, eletto Miglior Giocatore del 2019, ma questi giovani, guidati da Pinto T. e Tramontano A. avranno modo di dire la loro nelle prossime edizioni. Seconda finale persa per Luca Zafferami che si conferma uno dei più forti portieri. Prima volta da Capocannoniere per Davide Tramontano, 63 golMiglior Portiere del Torneo Gabriele Ginanni.

Albo d'Oro

1998 • Universitari

1999 • Bagalà D.

2000 • Bagalà D.

2001 • Allenatori

2002 • 22 (Pellegrino)

2003 • ACG

2004 • 22 (Pellegrino)

2005 • ACG

2006 • Cabrini Over

2007 • 22 (Pellegrino)

2008 • 22 (Pellegrino)

2009 • FC Regazzetti

2013 • 21 (Tramontano G.)

2014 • 23 Remix (Tramontano F.)

2015 • The Goldrakes (Di Marco Lo.)

2016 • La VentiSei (Di Renzi M.)

2017 • La VentiDue (Tramontano F.)

2018 • La VentiDue (Tramontano R.)

2019 • La VentUno (Tramontano R.)